Società di intermediazione mobiliare o private banking

Le tasse che possono essere ridotte sono: tasse sulle CFC, tasse sui guadagni esteri, tasse sui redditi di impresa e sui guadagni accumulati. Oltre a ridurre legalmente le tasse, queste strutture permettono ai beneficiari di godere della massima segretezza.

Di solito tutto parte da un buon consulente con dei buoni rappresentanti nelle giurisdizioni offshore e quindi in grado di operare ovunque sia richiesto o consigliabile in funzione delle esigenze del cliente beneficiario. Una volta stabilita la struttura più idonea, si provvede alla costituzione di una IBC.

Generalmente, attraverso un Trust, il beneficiario (che poi è di fatto il concedente) impartice le istruzioni al fiduciario di costituire la IBC. Attraverso i corrispondenti nel centro offshore in cui si desidera operare, la società viene prontamente costituita dagli agenti locali, i quali a loro volta operano come fiduciari (una specie di Trust nel Trust), designando i direttori, dove richiesto, avviando le relazioni bancarie e stabilendo la sede dell’ufficio registrato.

Quest’ultimo servizio, detto di domiciliazione, prevede anche l’utilizzo di linee telefoniche, fax, servizio di segreteria, ritiro e rispedizione della posta, emissione di fatture e in generale di tutto quello che si svolge in un ufficio. A seconda del tipo di servizi richiesti, esistono ovviamente delle tariffe che comprendono il compenso dei direttori, la domiciliazione della società e le spese di costituzione.

A seconda della complessità della struttura i costi sia di costituzione che di mantenimento possono variare ma, considerando che di solito non è richiesto un capitale sociale minimo, queste spese si limitano in definitiva alle normali tariffe professionali dei fiduciari ed alle spese di costituzione. Tanto per dare un’ idea, diciamo che una struttura offshore non supera quasi mai i 5.000 Euro totali, includendo le spese annuali di mantenimento. Molto conveniente se si pensa solo al risparmio fiscale che ne può derivare, oltre che al valore aggiunto dalla protezione totale della sfera privata e commerciale del cliente.

A questo punto è sufficiente iniziare ad operare attraverso istruzioni supplementari passate di volta in volta ai fiduciari i quali le eseguono scrupolosamente al fine di far funzionare tutta la struttura esattamente secondo i desideri del cliente beneficiario, sempre che questi non implichino attività illegali.

Alcune operazioni possibili con le “offshore companies”:

Apertura di rapporti di c/c di corrispondenza con qualunque Istituto di Credito

Poter effettuare investimenti nelle “Borse Valori” di tutto il mondo

Operazioni import-export

Intestazione quote sociali di società a responsabilità limitata, Spa e di immobili (terreni o fabbricati)

Esenzione dall’imposta di successione in caso di trasferimento di proprietà o di titoli o altri beni mobili o immobili

Fatturazione (no-tax) di operazioni finanziarie – di consulenza legale, commerciale, tecnica e di collaborazione – di mediazione immobiliare e non – di servizi di ogni genere e natura – di studi di progettazione e ricerca – di indagini di mercato – di pubblicità e propaganda – di rappresentanza, brokeraggio – di spese per convegni, congressi e simili

Altre operazioni commerciali e di consulenza

Liechtenstein

Mauritius

Panama Euro 3000.–

Seychelles Euro 3000.–

Delaware Euro 3’000.–

Ginevra Filiale di società anonima estera (offshore), con conto corrente bancario Euro 6’000.–

Filiale di soffshore, con sede a Zugo Euro 6’000.–

Inglese LTD Euro 6’000.–

Liechtenstein Euro 6’000.–